fbpx
  • Danza | Teatro Acrobatico | Aerea | Pole Dance

L’importanza di mantenersi attivi (mente e corpo ringraziano).

1024 683 Elena Canti

Non vi conosco personalmente, ma sono sicura di riuscire a rappresentare perfettamente il vostro lockdown con queste quattro foto (o almeno quello della maggior parte di voi):

Ho indovinato, vero?
Con i ritmi frenetici della modernità spesso viene a mancare il tempo da dedicare a noi stessi, che (volenti o nolenti) il Covid ci ha parzialmente restituito. Rallentare è giusto, ma occhio a non addormentarvi! Da quanto tempo è che non ci fermavamo a guardare il soffitto sdraiati sul divano? Riprendersi il tempo per sé, o per semplicemente non fare niente, è più che lecito. Ma state attente, perché cadere in un circolo vizioso è più facile di quanto pensiate.

La pigrizia è un po’ come una sirena che col suo fascino ci attrae e ci seduce, per poi farci sprofondare sul fondo degli abissi e mangiarci vivi. Noi preferiamo di certo rimanere a bordo della nostra, seppur piccola, barchetta. Dispersi nell’oceano chissà dove, ma almeno sani e salvi. Questi periodi di stop forzato, infatti, possono avere delle forti ripercussioni sia sul nostro corpo che sulla nostra mente. Per questo oggi vi raccontiamo dell’importanza di mantenersi attivi, lasciandovi anche qualche consiglio pratico su come ravvivare le vostre giornate un po’ spente.

Gli effetti della pigrizia sul corpo e sulla mente:

Generalmente la prima cosa da fare è la distinzione fra pigrizia e depressione, che potrebbero essere confuse. Nel nostro caso, trattandosi di una condizione legata al lockdown, siamo quasi certi di poter escludere la depressione, a meno che non l’abbiate sviluppata durante questa pandemia in seguito ad un evento traumatico (perdita del lavoro, morte di una persona cara, contrazione di debiti, ecc.). Diciamo dunque che, nella maggior parte dei casi, la patologia che vi affligge è semplicemente la poca voglia di fare, che porta le vostre giornate ad essere tutte uguali e ugualmente noiose. Ma c’è anche da dire che non è nemmeno tutta colpa vostra.

Non so se lo sapevate, ma il cervello umano è pigro per natura (e anche se la cosa potrebbe sorprenderci poco, almeno è stata ufficialmente confermata da uno studio condotto dall’Università della British Columbia, così abbiamo una scusa certificata per sentirci meno in colpa). È stato infatti dimostrato che la nostra mente sarebbe programmata per compiere sempre la scelta più semplice e meno dispendiosa di energia. E questo è il motivo per cui è più facile decidere di stare davanti alla TV piuttosto che andare a farsi una corsetta.

Ma attenzione, perché la nullafacenza porta solo ad altra nullafacenza. Quella contro la pigrizia è una lotta continua, che va avanti giorno dopo giorno. Concederci un periodo di pausa più lungo di quello di cui avremmo effettivamente bisogno può rendere ancora più difficoltoso riprendere i ritmi a cui solitamente eravamo abituati, portando ad una condizione di stanchezza mentale ancora più elevata di quella che avvertivamo solitamente. Il cervello è infatti un muscolo, e come tutti i muscoli necessita di allenamento costante e continuo.

Inutile parlarvi dunque degli effetti della pigrizia sul vostro corpo. Se ve lo state chiedendo no, ammazzarvi di squat nei mesi precedenti all’estate non è la soluzione. Non è così che funziona. Il nostro corpo non può essere modellato a nostro piacere (e soprattutto in modo salutare) in poche settimane. Quindi alzate quel sedere dal divano e andate a fare esercizio! Anzi, tenetelo appoggiato ancora per un minuto, che così vi spiego cosa potete fare concretamente per mantenervi attive.

Come mantenersi attive e stare in forma:

Mantenersi attive non significa solamente fare attività fisica, ma anche non trascurarsi. Per prima cosa, quindi, via quei pigiami! È vero che in casa ci piace stare comodi, ma questa non deve diventare una scusa per essere trasandati. La soluzione? Una bella tuta. Così siete anche già pronte per fare qualche esercizio.

Ci sono tanti esercizi, infatti, che possono essere fatti tranquillamente anche in casa, senza bisogno di attrezzature particolari o di grandi spazi, e che vi permetteranno di mantenere i progressi fatti finora in palestra. Perché ricordatevi che tante volte migliorare significa semplicemente non retrocedere.

Un’altra conseguenza negativa del lasciarsi andare fisicamente, infatti, è proprio il senso di scompenso che creiamo al nostro corpo. Continuare a modificare i ritmi e l’intensità degli allenamenti compromette l’equilibrio del nostro organismo, influenzando il nostro stato di benessere (fisico e mentale).  

Io ad esempio soffro di extrasistole ventricolare, una patologia per cui ogni tanto il cuore salta un battito e lo recupera accelerando di molto i successivi. È una patologia che nella maggior parte dei casi si verifica una volta concluso lo sforzo fisico, e solo raramente durante. Quando ho ripreso a fare aerea, dopo i mesi di stop forzato dovuto al lockdown, mi è ricomparso questo sintomo che oramai non si ripresentava almeno da un anno. Anche se i miei muscoli erano ancora fisicamente in grado di eseguire tutto quello che facevo anche prima, l’equilibrio del mio organismo era stato velocemente alterato, e il mio corpo non ha mancato l’occasione per farmelo notare. Quindi state attente, perché l’eccessivo riposo non è sempre la cosa che ci giova di più.

Ma quali sono questi fatidici esercizi che si possono fare anche in casa? Se volete approfondire andate a leggervi questo articolo che ho scritto durante il primo lockdown, dove vi spiego tutto passo passo. Vi basterà cliccare qui.

“Si, ma non è come in palestra”. È vero, ma non ci possiamo fare niente. Probabilmente in casa non avete l’impianto stereo che vi fa fare tunz tunz paraparatunz come quello della palestra, ma potete cogliere questa occasione per allenarvi con la vostra playlist preferita. È infatti stato dimostrato che ascoltare musica di nostro gradimento stimola il cervello nella produzione degli ormoni della felicità. Il che dovrebbe rendere il vostro allenamento molto più gradevole e meno faticoso.

“Si, ma da sola mi annoio”. La soluzione? Una bella videochiamata con un amico o con un’amica (ovviamente intendo una chiamata di allenamento, non una di quelle in cui vi scofanate due sacchetti di patatine mentre vi raccontate i nuovi gossip di paese). Prendere un impegno fisso con qualcuno, in determinati giorni della settimana, vi indurrà a mantenere la parola data, e quindi ad allenarvi con più costanza.

Come inoltre hanno più volte ribadito i medici, soprattutto in questo periodo, fare attività fisica aiuta il nostro corpo a rinforzare le difese immunitarie, rendendoci meno vulnerabili a influenze e malanni di stagione, nonché alla possibilità di contrarre infezioni ed essere soggetti a contagi.

Ma dopo tutto questo allenarsi, è tempo anche di fare qualcosa per sé. Approfittate di questo tempo libero per coltivare una passione trascurata da tempo, o semplicemente per farvi belle. Fatevi un bel bagno caldo con delle candele profumate, o provate un nuovo make-up. Studiate una nuova acconciatura che sappia valorizzare ancora di più il vostro viso, e rinnovate il vostro guardaroba con qualche capo di tendenza.

Ricordiamoci però, che oltre a dedicarci alla nostra estetica sarebbe bene utilizzare questo tempo anche per coltivare la nostra interiorità. L’allenamento più importante che possiamo fare ogni giorno per noi stessi, infatti, ci viene dato da una celebre frase pronunciata da Eleanor Roosevelt, moglie di uno dei più noti presidenti degli Stati Uniti della storia, che una volta disse: “Do one thing every day that scares you”, ovvero “fai ogni giorno una cosa che ti spaventa”.

Uscire dalla propria comfort zone è infatti fondamentale per tre motivi. Per prima cosa ci permette di imparare a gestire sensazioni negazione come ansia e stress, che ai giorni nostri sono sempre più frequenti. Come seconda cosa, il fatto di non ripetere giorno dopo giorno sempre le stesse azioni aiuta la nostra mente a sviluppare un pensiero creativo più spiccato. E infine, ci aiuta a liberarci dell’angoscia derivante dal giudizio altrui.

Quante volte non avete fatto qualcosa che vi piaceva, o provato qualcosa che vi incuriosiva, solo per paura di essere giudicati? Qui in palestra lo vediamo spesso soprattutto con i corsi di pole dance ed exotic, dove bisogna mostrare di più il proprio corpo e la propria femminilità. Ma fidatevi: buttatevi! Perché non c’è niente di più bello che fare qualcosa che vi rende felici. E poi, qualsiasi cosa facciate, state tranquilli che le persone avranno sempre da ridire. Quindi perché precludersi qualcosa?

Ma questa tanta ricercata felicità, che sapore ha? Potete averne un assaggio andando sulle pagine Instagram e Facebook di Be Art Studio, dove potrete trovare tantissime ricette che vi guideranno in questo nuovo percorso di riscoperta di sé. Cosa aspetti? Comincia oggi!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Preferenze Privacy

Utilizzando il nostro sito internet è possibile che informazioni vengono salvate attraverso il tuo browser da servizi specifici con l'utilizzo di cookies. Qui puoi cambiare le preferenze della tua privacy. Ricordati che bloccando alcuni tipi di cookies potrebbe avere effetti sulla tua esperienza di navigazione sul nostro sito e sui servizi che siamo in grado di offrirti.

Click to enable/disable Google Analytics tracking code.
Click to enable/disable Google Fonts.
Click to enable/disable Google Maps.
Click to enable/disable video embeds.
Il nostro sito utilizza cookies che raccolgono dati anonimi da terze parti per la fornitura di servizi ed informazioni. Definisci le tue preferenze della privacy e/o dai conferma che sei d'accordo con il nostro utilizzo dei cookies.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: