fbpx

Il potere del respiro

Cristina Yoga Respiro
1024 576 Cristina Curreli

Quante volte avete detto o vi siete sentiti dire: “ok. adesso calmati, fai un bel respiro profondo”.

E’ solo un modo di dire o funziona davvero? Assolutamente funziona e spiego il perché.

Sappiamo che per la maggior parte della nostra vita respiriamo in modo inconsapevole. Il processo respiratorio avviene in modo automatico ed è un meccanismo che si autoregola in funzione degli input che il sistema nervoso gli invia a seconda della situazione in cui ci troviamo. Tuttavia pur essendo un processo automatico che ci mantiene in vita, vi sono dei fattori che possono influenzare la corretta respirazione. Uno di questi è lo stress.

Siamo animali di fondo ed istintivamente se ci sentiamo in una situazione di pericolo e di tensione dobbiamo essere pronti a combattere o a fuggire preparando i muscoli allo scatto contraendoli. Anche se oggi non abbiamo un predatore che vuole ridurci in brandelli, questo meccanismo di difesa è rimasto intrinseco nella nostra psiche e torna a galla ogni qualvolta viviamo una situazione di stress (traffico in auto, lavoro, corse contro il tempo, famiglia, etc.) andando ad irrigidire i muscoli coinvolti nella respirazione e di conseguenza anche i limitrofi quali l’ileo psoas, spalle e collo. Chi non ha mai sofferto di mal di testa muscolo tensivo o di rigidità cervicale? Tutti probabilmente.

Muscoli rigidi

I muscoli che si irrigidiscono non permettono una respirazione profonda poiché gli sono meccanicamente di ostacolo. Cerebralmente e fisiologicamente le nostre cellule hanno però bisogno di più ossigeno per prepararsi all’azione e dunque il ritmo del respiro accelera e diventa affannoso, lasciando che resti immagazzinata più anidride carbonica rendendo le idee confuse e diminuendo le nostre capacità cognitive.

A questo punto dobbiamo necessariamente riprendere il controllo e lasciare che il processo di respirazione avvenga in modo “pilotato”. Inizia a respirare in modo lento e profondo, ammorbidisci le tensioni nei muscoli, lascia che il diaframma si abbassi aumentando la tua capacità polmonare e vedrai che anche il cuore inizierà a battere più lentamente, piano piano la calma torna, la mente è più stabile e tutto si riequilibra.

Nello Yoga si pensa che la vita non si conti in anni, ma in numero di respiri. Ed abbiamo un numero di respiri prestabiliti nella vita. Più riusciamo a respirare lentamente e profondamente, più le nostre cellule saranno irrorate di energia vitale, meglio avverranno gli scambi fra sostanze nutritive e sostanze di scarto, più a lungo vivremo.
I miei maestri mi hanno fatto un paragone bellissimo ed efficace con il mondo animale. Per esempio: Un topo respira dalle 60 alle 230 volte al minuto e vive in media da 1 anno e mezzo a 3 anni. Le balene e le tartarughe respirano da 3 a 5 volte al minuto oppure restano in apnea a lungo e vivono oltre 100 anni. La scimmia dalle 30 alle 50 volte al minuto e vivono 20/30 anni. Noi? Beh, cronometro alla mano e tiriamo le somme. Ricordando che siamo sempre in tempo a modificare il corso delle nostre vite.

Namastè
Cristina Curreli

Author

Cristina Curreli

Mi chiamo Cristina e sono insegnante certificata di Yoga. Lo Yoga mi ha teso la sua mano nel momento in cui ne avevo più bisogno. E’ così che è sbocciato l’amore per lo Yoga e che mi accompagnerà nel mio percorso chiamato Vita. Ho iniziato a praticare alcuni anni fa, ero attratta da tutti gli aspetti dello Yoga, in primis dalla sua filosofia, dagli insegnamenti degli antichi maestri, dalla meditazione e dal pranayama, successivamente ho sentito la necessità di praticare le Asana fino ad arrivare a voler trasmettere ed insegnare questa disciplina. Mi impegno affinché nelle mie lezioni io riesca a trasmettere la vera essenza dello Yoga attraverso la meditazione ed alla respirazione in modo accessibile, moderno ed alla portata di tutti. Nelle mie lezioni non mancherà mai l’approccio filosofico ed introspettivo unito alla pratica fisica delle asana in maniera creativa e dinamica.

Tutte le storie di: Cristina Curreli

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Preferenze Privacy

Utilizzando il nostro sito internet è possibile che informazioni vengono salvate attraverso il tuo browser da servizi specifici con l'utilizzo di cookies. Qui puoi cambiare le preferenze della tua privacy. Ricordati che bloccando alcuni tipi di cookies potrebbe avere effetti sulla tua esperienza di navigazione sul nostro sito e sui servizi che siamo in grado di offrirti.

Click to enable/disable Google Analytics tracking code.
Click to enable/disable Google Fonts.
Click to enable/disable Google Maps.
Click to enable/disable video embeds.
Il nostro sito utilizza cookies che raccolgono dati anonimi da terze parti per la fornitura di servizi ed informazioni. Definisci le tue preferenze della privacy e/o dai conferma che sei d'accordo con il nostro utilizzo dei cookies.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: