fbpx
  • Danza | Teatro Acrobatico | Aerea | Pole Dance

La ricerca della felicità – Pillole di Filosofia

Alla ricerca della felicità
1024 683 Cristina Curreli

Cosa vuole di più in assoluto un essere umano? Lo sa bene il marketing che ci propone incessantemente standard da seguire, ci mostra famiglie che si riuniscono a colazione con la luce del giorno ad illuminare la tavola imbandita di sorrisi e messe in piega perfette. Oppure vediamo una coppia affascinante di mezza età che sfreccia sulla loro auto nuova su per i tornanti di una collina innevata. Salirai la scala sociale e ti sentirai felice, appagato, bello e di successo solo se acquisterai questi biscotti, questa auto, questa borsa, questo telefono. Se vivrai in questa città. Se avrai più followers. Se possederai più denaro. Se il tuo naso sarà più piccolo, se impedirai la vecchiaia e se i tuoi muscoli saranno più tonici. Se farai le tue vacanze in quella nave da crociera, quella che ti garantisce la felicità al quadrato.

Sappiamo che non è reale eppure ne veniamo attratti. Dovreste vedere in che condizioni faccio colazione la mattina o con quanta poca scioltezza guido l’auto in salita. Nessuno comprerebbe biscotti o auto se ci fossi io a recitare nello spot.

Siamo alla costante ricerca della felicità. E se ci chiediamo: quanta felicità vuoi? Un’ora? Un mese? No. La vogliamo infinita. Ma la felicità, la serenità, lo stato di pace non può essere raggiunto nel mondo materiale. Tutto è limitato nel mondo materiale. Puoi avere un conto in banca a sei zeri, ma avrà il suo limite. Puoi avere successo, ma anche quello ha un limite. Per questo soffriamo.

La felicità materiale è illusoria. Quante volte abbiamo desiderato ardentemente qualcosa ed una volta ottenuta, finito il momento di eccitazione, la magia finisce e desideriamo subito qualcos’altro?

“La ricerca del piacere è essa stessa il piacere”.

Gotthold Ephraim Lessing

Ciò non significa non godere di un nuovo telefono, di una nuova auto, di un nuovo lavoro, di un nuovo amico, ma semplicemente lasciare che questi desideri non prendano il dominio sulla nostra mente. Non pretendere che duri in eterno. Non attaccarsi ad essi e saperli lasciare andare. Non disperarsi se non abbiamo l’ultimo modello di telefono. Se troviamo un graffio sulla macchina. Se un amico prende un’altra strada.

Nello Yoga si parla spesso della pratica del non-attaccamento. L’attaccamento in sanscrito si chiama Raga, il volere che una situazione che ci ha procurato gioia si replichi all’infinito. Può essere una situazione, ma anche un oggetto, una persona o qualsiasi cosa nella quale noi ci ancoriamo pur di rivivere la felicità che ci ha procurato. Per sconfiggere questo occorre vivere nella semplicità, circondati dall’essenziale. Non rimanere attaccati ad un’idea, ad una persona, ad un oggetto. Accettare il continuo flusso del cambiamento. Soffriamo perché non accettiamo l’idea del cambiamento. Ma dobbiamo ricordarci che nella vita il dolore è necessario, la sofferenza invece un optional. La vita è fatta di alti e bassi, è inevitabile, quello che possiamo cambiare è il nostro atteggiamento, che nello Yoga prende il nome di Santosa – l’atteggiamento di contentezza.

L’unica cosa di infinito è l’universo della coscienza e dell’amore. Quelli vivono dentro al tuo cuore, alla tua coscienza, alla tua anima. E’ in questa direzione che lo Yoga ci vuole portare.

E’ ora di fare le valigie e di partire per un nuovo viaggio…

Namastè
Cristina Curreli

Author

Cristina Curreli

Mi chiamo Cristina e sono insegnante certificata di Yoga. Lo Yoga mi ha teso la sua mano nel momento in cui ne avevo più bisogno. E’ così che è sbocciato l’amore per lo Yoga e che mi accompagnerà nel mio percorso chiamato Vita. Ho iniziato a praticare alcuni anni fa, ero attratta da tutti gli aspetti dello Yoga, in primis dalla sua filosofia, dagli insegnamenti degli antichi maestri, dalla meditazione e dal pranayama, successivamente ho sentito la necessità di praticare le Asana fino ad arrivare a voler trasmettere ed insegnare questa disciplina. Mi impegno affinché nelle mie lezioni io riesca a trasmettere la vera essenza dello Yoga attraverso la meditazione ed alla respirazione in modo accessibile, moderno ed alla portata di tutti. Nelle mie lezioni non mancherà mai l’approccio filosofico ed introspettivo unito alla pratica fisica delle asana in maniera creativa e dinamica.

Tutte le storie di: Cristina Curreli

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Preferenze Privacy

Utilizzando il nostro sito internet è possibile che informazioni vengono salvate attraverso il tuo browser da servizi specifici con l'utilizzo di cookies. Qui puoi cambiare le preferenze della tua privacy. Ricordati che bloccando alcuni tipi di cookies potrebbe avere effetti sulla tua esperienza di navigazione sul nostro sito e sui servizi che siamo in grado di offrirti.

Click to enable/disable Google Analytics tracking code.
Click to enable/disable Google Fonts.
Click to enable/disable Google Maps.
Click to enable/disable video embeds.
Il nostro sito utilizza cookies che raccolgono dati anonimi da terze parti per la fornitura di servizi ed informazioni. Definisci le tue preferenze della privacy e/o dai conferma che sei d'accordo con il nostro utilizzo dei cookies.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: